I ricordi mettono in dubbio il tempo

E’ arrivato il giorno in cui mio fratello minore è andato a vivere da solo, a distanza di alcuni anni da quando io presi la sua stessa decisione. Nella vita ci sono avvenimenti che rappresentano tappe inequivocabili di cambiamento segnate da traguardi e scelte importanti.

Se chiudo gli occhi ho davanti a me le felici immagini di noi due che giocavamo insieme a calcio in casa, dove l’armadio all’ingresso ed il corridoio rappresentavano per noi la porta e il campo da gioco degni dell’atmosfera del Wembley Stadium, o di noi seduti in terra in cameretta alle prese con entusiasmanti avventure inventate tra soldatini e tartarughe ninja.

Riesco a rivivere vividamente quei piacevoli momenti con una tale intensità da mettere in dubbio il tempo e avere la sensazione che il passato sia ancora un oggi.

Abbiamo trascorso anni a giocare usando il potere creativo dell’immaginazione, che ci permetteva di essere poliziotti, ladri, militari, piloti, attori e calciatori e di trasformare la casa in stadi, aeroporti, trincee, città, mari, deserti e jungle. Le nostre giornate erano caratterizzate da divertimento, allegria e fantasia.

Poi con il passare del tempo hanno preso vita le chiacchierate interminabili, gli scambi di opinioni, i favori e i consigli sull’amore e sul come comportarsi nella vita che si apriva davanti, ed il gioco si è trasferito nella condivisione della passione sportiva fianco a fianco.

Riesco ancora a rivivere quei momenti chiudendo gli occhi, ma non appena li riapro si palesa con irruenza la verità: sono solo ricordi, frammenti preziosissimi di vissuto che ci apparterranno e ci accompagneranno per sempre, anche se è necessario accettare il fatto che il tempo scorre e che non ci è data alcuna possibilità di fermarlo né di tornare indietro neanche per un istante.

L’immagine di mio fratello che “fa i bagagli” e si prepara al trasloco mi ha pervaso di malinconia, ma tutto ad un tratto è bastato cambiare punto di vista per far sì che mi apparisse dinanzi per quello che lui è ora: un uomo virtuoso, appassionato, fiducioso e responsabile che ha preso un’importante decisione, la quale darà vita ad un susseguirsi di dinamiche tali da rafforzare il suo carattere e consentire la sua completa realizzazione.

 

Voglio solamente dirgli:

“Sono fiero di te e ti auguro il meglio per la tua nuova entusiasmante avventura che ora inizia!”

 

I ricordi che mettono in dubbio il tempo

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *