Il paradosso della tecnologia

Viviamo in un’era in cui la società di gran parte del mondo è costituita da esseri umani iper-connessi alla tecnologia, la quale ha assunto il potere di tradurre l’esperienza in nuove forme. Ogni estensione tecnologica si ripercuote inevitabilmente nel rapporto tra il contesto e le persone, che si sono ritrovate a dover fare i conti con una distorsione della realtà tale da veder crescere il vissuto virtuale a scapito delle relazioni umane.

Il paradosso della tecnologia risiede proprio nel fatto che essa ci consente di contattare virtualmente persone di ogni parte del mondo e al contempo ci isola dalle persone che fanno parte della nostra realtà circostante.

Chi è restio al cambiamento abilmente propagandato dai media e dal sistema culturale vigente, finisce ben presto per essere emarginato e tagliato fuori dal tessuto sociale tanto da sperare di trovare consolazione nell’adattamento, senza rendersi conto che dovrà comunque mettere in atto altre strategie per intessere delle relazioni umane realmente significative.

La tecnologia ci è sfuggita di mano e sembra aver creato un sistema autonomo che, offrendo apparentemente immense libertà all’uomo, ha inventato simultaneamente nuove trappole.

“Insieme ma soli.”

La parola chiave per risolvere il conflitto interno tra vita reale e virtuale che viviamo tutti i giorni sulla nostra pelle è: equilibrio. Equilibrio tra le due dimensioni, imparando ad utilizzare al meglio l’innovazione ma dedicando anche tempo alla ricerca, allo sviluppo e alla conservazione delle relazioni umane.

Per questo oggi più che mai abbiamo bisogno di allenare e rafforzare la nostra autoregolazione, quella potenzialità che ci permette di addestrare e dirigere in maniera efficace il focus mentale allo scopo di intraprendere e controllare le nostre azioni e di possedere la padronanza di noi stessi, per poterci esprimere autenticamente e vivere consapevolmente nel momento presente.

E’ l’autoregolazione che ci mette in condizione di gestire gli impulsi, di identificare ed eliminare i comportamenti nocivi e di resistere alle tentazioni, vivendo lontani da ogni forma di dipendenza e gratificazione immediata che risulti in contrasto con scopi etici più alti.

 

Manifestiamo la nostra libertà di pensiero,

decidendo fino a che punto la tecnologia debba interferire con le nostre vite!

 Sta a te la scelta!

paradosso tecnologia

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *